0

Come la modifica di modelli base crea nuovi aspiratori industriali

aspiratori.industriali

Oltre 40 anni di attività sul mercato europeo sono bastati alla Stucchi 1950 S.r.l. a delineare i tratti caratteristici dei migliori sistemi di aspiratori polveri a carattere industriale, una serie di aspiratori industriali destinati a gestire le lavorazioni che producono polveri non radioattive, ma pericolose per la salute dei lavoratori.

La fase di progettazione e realizzazione degli aspiratori industriali targata Stucchi 1950 S.r.l. tiene in considerazione le diverse esigenze di riferimento per riuscire ad apportare specifiche modifiche in grado di sopperire a determinate situazioni.

Il lavoro di modifica delle centrali di aspirazione o periferiche viene studiato in base alle varie categorie di aspiratori conosciute e alle esigenze del cliente:

  • Aspiratori monofase compatti (recupero di particelle di polvere e aspirazione di solidi pesanti)
  • Aspiratori industriali monofase pesanti (grande capacità di raccolta e struttura robusta per applicazioni più gravose)
  • Aspiratori industriali trifase carrellati (turbine potenti, filtri di ampia superficie e contenitori capienti)
  • Aspiratori industriali trifase di grande potenza (macchine capaci di trasportare polveri e solidi per molti metri e sistemi di scarico appositi)
  • Aspiratori ad alto vuoto (macchine con pompa per vuoto e sistema meccanico che aspirano polveri o solidi granulari dispersi di cementifici, acciaierie e miniere e altre industrie pesanti)
  • Aspiratori per olio e trucioli (recuperano quantità di olio misto a trucioli metalli o plastici dalle vasche macchina da taglio di industria meccanica, automotive e materie plastiche)
  • Aspiratori industriali ad aria compressa (aspiratori per cantieri navali e applicazioni a bordo di navi o piattaforme petrolifere)
  • Aspiratori per applicazione fissa a bordo macchina (macchinari per il taglio di alluminio)
  • Aspiratori per recupero in continuo (dispositivi di forma cilindrica per recuperare sfridi e scarti di produzione su linee di imballaggio o macchinari tessili)
  • Sistemi centralizzati di aspirazione (impianti che rimuovono e trasportano materiale attraverso tubazioni fisse per scaricarlo in un punto preciso)
  • Elettroventilatori (dispositivi per l’aspirazione dei fumi di saldatura, l’estrazione e la filtrazione di solventi o polveri)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>