From aspirazione polveri

0

L’aspiratore carrellato industriale, il jolly nel campo dell’aspirazione industriale

aspiratore carrellato industriale

Proprio come il jolly nei giochi di carte è una carta che possiede importanti eccezioni alle regole generali del gioco, anche l’aspiratore carrellato è un elemento particolare, dotato di caratteristiche singolari. 

Le diverse soluzioni “mobili” per l’aspirazione delle polveri

La continua ricerca di soluzioni, in grado di far fronte a tutte le situazioni che possono verificarsi nel campo dell’aspirazione industriale, ha portato allo sviluppo di aspiratori carrellati industriali con particolari caratteristiche. A cominciare dal modello a funzionamento completamente pneumatico: non c’è motore, né comandi elettrici, tutto funziona per mezzo dell’aria compressa e con una rumorosità di circa 58 dB (A) (il rumore di una strada trafficata o di una conversazione). Inoltre, si raggiungono un risparmio energetico e un abbattimento dei tempi di manutenzione notevoli. La linea speciale ad aria compressa comprende anche una serie di aspiratori certificati per l’utilizzo in zone classificate ATEX.  

Tutto il mondo degli aspiratori carrellati 

Naturalmente, il mercato offre anche macchine più “tradizionali” con automatismi elettrici e pneumatici, filtri a pulizia manuale o automatica e comandi a 24 volts a norma CE.  Una “menzione speciale” vogliamo dedicarla alla stazione mobile di carteggiatura. Un’attrezzatura che permette di avere a disposizione una postazione di lavoro mobile, facilmente inseribile in diversi layout di linea, per esempio. 

Per aumentarne l’autonomia operativa, poi, queste attrezzature possono ospitare a bordo macchina dei veri e propri kit di accessori, come: pareti multifunzione dotate di cassetti, portarotoli, mensole e cestini portarifiuti. Naturalmente, il vero vantaggio di questo macchine è la loro mobilità, al di là delle singole prestazioni e caratteristiche specifiche od opzionali. Il fatto di poterle muovere e di poterle utilizzare in qualunque punto della linea di produzione è ciò che le rende veramente versatili.  

0

Dispositivi di Protezione Collettiva: gli impianti di aspirazione industriale

impianti di aspirazione polveri

Gli impianti di aspirazione industriale, per il ruolo che esercitano all’interno dei processi produttivi, sono parte integrante dei Dispositivi di Protezione Collettiva, conosciuti dagli addetti ai lavori anche con l’acronimo DPC. 

Al suo art. 15 il D.Lgs. 81/08 cita, fra le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale. Questo fa degli impianti di aspirazione industriale uno dei baluardi nel mantenimento dei posti di lavoro conformi alla legislazione e nella protezione della salute e sicurezza dei lavoratori. 

In questo articolo vogliamo analizzare gli aspetti che riguardano gli impianti di aspirazione polveri. Le polveri, sia per le loro dimensioni che per la loro composizione, rappresentano una delle maggiori sfide nel campo della Medicina del Lavoro. Basti pensare all’impatto negativo che hanno sulla salute PM 10 e PM 2.5 o a quanto sia pericolosa per la sicurezza la formazione di atmosfere composte da polveri potenzialmente esplosive. 

Gli impianti di aspirazione moderni sono frutto dell’adattamento, nelle realtà operative, al mutare delle conoscenze in campo medico. Proprio per adattarsi alle nuove situazioni e grazie al progredire della tecnologia, oggi, sono disponibili impianti di aspirazione centralizzata in grado di fronteggiare ogni tipo di situazione. La formazione di polveri derivanti dalla movimentazione di cereali, rottami ferrosi, o da lavorazioni come la carteggiatura di metalli, vetroresine o legno, rappresentano solo una parte delle situazioni che possono essere gestite da un buon impianto di aspirazione. Grazie agli elevati volumi di aspirazione garantiti e ai sistemi automatici di pulizia dei filtri, per esempio. Così come l’implementazione di macchine costruite secondo i dettami della normativa ATEX permette di gestire lavorazioni a rischio di esplosione. 

0

Aspirazione industriale a Milano, la capitale italiana dell’industria e del commercio

Aspirazione industriale a Milano

Milano ospita un numero molto elevato di industrie, fabbriche e aziende di logistica. In questa città convergono infatti moltissime delle produzioni del nostro Paese, tanto da essere frequentata tutto l’anno da lavoratori, operai e manager provenienti da tutta Italia. Questo quadro, preciso e ben organizzato, prevede la messa in campo di molte forze lavoro ma anche degli opportuni macchinari, come ad esempio quelli predisposti all’aspirazione industriale a Milano, come vedremo di seguito. 

Mantenere l’ambiente lavorativo pulito è molto importante 

Per poter soddisfare gli standard di sicurezza del settore, le fabbriche devono essere provviste degli opportuni sistemi di sicurezza, di protezione individuali e collettivi ma anche di quelli predisposti all’aspirazione industriale a MilanoQuesto perché risulta molto importante, se non fondamentale, che l’ambiente lavorativo si presenti sempre in perfetto ordine e manifesti sempre un buon igiene. 

Come potrebbe accadere tutto questo senza un buon sistema di pulizia e aspirazione, in grado di raccogliere tutti gli scarti di ogni lavorazione? Gli aspiratori, mobili o centralizzati, rappresentano infatti la soluzione più efficace per risolvere questa situazione. Il mercato del settore offre varie e valide proposte, su misura di ogni cliente. 

Vien da sé che ogni fabbrica a Milano presenti un sistema di questo tipo per poter essere sempre al passo coi tempi e per poter evitare possibili incidenti di percorso. Rivolgiti a Stucchi per scegliere l’impianto di aspirazione industriale a Milano più adatto a soddisfare le tue aspettative: ti stiamo aspettando! 

 

0

Ecco i migliori sistemi di aspirazione polveri per diverse industrie

sistemi di aspirazione polveri

Esistono diversi settori industriali nei quali risulta essere fondamentale possedere dei buoni sistemi di aspirazione polveri che possano essere in grado di pulire adeguatamente la catena di montaggio e la zona circostante da tutti gli eventuali residui di lavorazione. Pensa, infatti, a cosa succederebbe nel caso in cui, all’interno di una fabbrica, venissero abbandonati i rifiuti e gli scarti della lavorazione senza porvi la minima attenzione. Una serie di meccanismi aprirebbe le porte ad una situazione assolutamente incresciosa per l’azienda in questione. 

Quali sono i settori produttivi che necessitano la presenza di questo meccanismo? sistemi di aspirazione polveri vengono presi maggiormente in considerazione per servire le seguenti produzioni: 

  • Le concerie 
  • Le cartiere 
  • L’industria metallurgica e metalmeccanica 
  • Le falegnamerie 
  • I sugherifici 
  • Le aziende chimiche e farmaceutiche 
  • Industria nautica 

Ognuna di esse, infatti, causa una sorta di “residuo di lavorazione”, che a lungo andare, se non opportunamente smaltito, può causare intasamenti e rallentamenti di non poco conto. Gli operai impegnati in questi settori sanno perfettamente quanto sia importante questo processo e per questo motivo vengono sempre affiancati da un personale incaricato di risolvere queste problematiche o inseriti all’interno di una fabbrica dotata di sistemi di smaltimento polveri integrati e funzionanti alla perfezione autonomamente. 

In questo senso, risulta di fondamentale importanza per le grandi industrie accaparrarsi dei sistemi di aspirazione polveri performanti, duraturi e che sappiano rispondere egregiamente alle proprie necessità. 

0

Impianti aspirazione fumi e polveri, come progettare la corretta captazione

Impianti aspirazione fumi

La fase della captazione dei fumi e delle polveri allinterno dellimpianto industriale è di fondamentale importanza per garantire un congruo processo di depurazione dellaria. La captazione è il primo passo da eseguire. Seguono depurazione dellaria e re-immissione di aria salubre nellambiente. 

Progettare la corretta captazione degli aspiratori 

Gli elementi più importanti di un impianto di aspirazione sono la cappa e il ventilatore. Le cappe aspiranti industriali hanno il compito di raccogliere tutti gli agenti inquinanti prodotti dalla sorgente. La ventola dellaspirazione industriale invece è lelemento che crea la portata e la prevalenza necessaria alla captazione e in seguito a trasportare verso lesterno gli agenti inquinanti. Va da sé dunque che per captare in maniera corretta ed efficace tutti gli agenti inquinanti presenti nella zona di lavoro, è indispensabile progettare in modo competente le cappe e i sistemi di aspirazione. 

Per stabilire la velocità della captazione ad esempio è importante partire dalla valutazione dei fattori ambientali e soprattutto dalla tipologia di materiali impiegati nel processo di lavorazione. Ad esempio la molatura produce particelle grandi che è più complesso catturare, mentre i fumi della saldatura si aspirano più facilmente perché seguono il flusso dellaria. La cappa va posizionata il più possibile vicino al punto di emissione; in funzione della distanza tra questultimo e la cappa si stabilisce anche la dimensione e la forma ottimale da darle. 

Una volta depurata laria, si re-immette in circolo nellambiente, a meno che non si tratti di sostanze cancerogene o allergizzanti e in tal caso laria (comunque depurata) va espulsa allesterno. 

0

Aspiratori carrellati a Milano: cosa sapere prima di acquistarne uno

Aspiratori carrellati a Milano

La lavorazione di alcuni materiali provoca, in moltissimi casi, la comparsa di un fastidioso residuo. In queste situazioni, occorre quindi correre ai ripari ed assicurarsi un buon sistema di aspirazione delle polveri, come ad esempio degli aspiratori carrellati a Milano, dei banchi aspiranti o degli impianti indipendenti, che consentiranno il deposito delle polveri in appositi serbatoi. 

Se stai per acquistare un aspiratore a carrello, assicurati prima di sapere alcune nozioni e di ricercare il macchinario in possesso delle opportune specifiche tecniche: 

  • La potenza del dispositivo deve soddisfare le tue aspettative e poter essere servita dall’impianto energetico dell’immobile stesso 
  • Non vuoi collegare il macchinario all’alimentazione elettrica? Sul mercato esistono alcuni modelli in grado di funzionare autonomamente, con batterie di grossa potenza e autonomia 
  • Quante polveri devi aspirare? Qual è la loro grandezza? In base a questi parametri, scegli la grandezza e la portata del filtro. Si dice che quest’ultimo sia il componente più importante di tutto lo strumento 
  • Facendo riferimento al punto precedente, scegli un sistema autopulente del filtro, che possa mantenerlo sempre libero e perfettamente funzionante 
  • Hai necessità di raggiungere zone particolari o poco esposte? Scegli uno dei tanti aspiratori carrellati a Milano con tubo sufficientemente lungo e flessibile 
  • Scegli un aspiratore con turbina integrata in grado di spegnere e accendersi in maniera automatica, riducendo al minimo i consumi 
  • In ultimo, ma non per importanza, non badare a spese! Cercare di risparmiare a tutti i costi in queste fasi potrebbe aprire le porte a spiacevoli situazioni, come ad esempio un funzionamento al di sotto delle aspettative 

Vieni da Stucchi, scopri le nostre proposte in catalogo e approfitta del dispositivo più utile per te. 

0

Come migliorare la qualità dell’aria nell’ambiente da lavoro

Migliorare la qualità dell’ambiente in cui si vive o si lavora è fondamentale per avere sempre una buona salute e tenere sempre alto lo standard qualitativo. Molte persone non sanno che esistono metodi che consentono di purificare l’aria della propria abitazione così come si purificano gli ambienti industriali.Tranne i gestori di industrie e fabbriche, la maggior parte delle persone ignora cosa sia nello specifico un aspiratore Industriale; come non conoscono le specifiche di un impianto di aspirazione polveri o le caratteristiche di un impianto di aspirazione centralizzato. Le differenze ci sono e sono ben evidenti, ogni impianto ha le proprie caratteristiche, ma tutti hanno un obiettivo comune: eliminare qualsiasi tipo di sporco. 

Quando scegliere un aspiratore industriale 

Particolarmente indicato per le industrie, gli aspiratori industriali sono, apparecchi mobili, facilmente trasportabili,  in grado di eliminare anche il più piccolo residuo quindi, che lo sporco sia liquido, secco o solido, non preoccupatevi, un buon aspiratore industriale sarà capace di aspirare tutto, trucioli, polveri sottili e addirittura olii. Per questo è essenziale che in ogni falegnameria, industria o cantiere navale sia presente uno di questi macchinari. Un impianto di aspirazione polveri è un elemento essenziale in luoghi quali falegnameria, cantieri navali o altre industrie dove si operano levigatura e carteggiatura. Questo impianto è concepito prettamente per purificare l’aria dell’ambiente lavorativo attraverso dei bocchettoni che filtrano tutte le polveri secche presenti nell’aria. L’impianto di aspirazione centralizzato dispone quasi sempre di un sistema di filtraggio e pulizia automatico: questo sistema e gli intervalli di pulizia, sono facilmente programmabili secondo il proprio bisogno. Naturalmente, per scegliere il sistema di aspirazione più adatto alle vostre esigenze, consigliamo di richiedere un preventivo gratuito ad una realtà specializzata come la Stucchi 1950 S.r.l.s., sapremo aiutarvi nella scelta migliore. 

0

Impianti aspirazione polveri per la massima sicurezza sul lavoro

Impianti aspirazione polveri

Un ambiente di lavoro sicuro e a norma di legge prevede il rispetto di numerosi adempimenti dal punto di vista legale e igienico-sanitario, specie per quanto riguarda gli impianti aspirazione polveri .

Per quelle aziende che operano nel settore della carrozzeria, della falegnameria o della nautica e che si occupano di saldatura, incollaggio, verniciatura e che svolgono altre attività che prevedono lemissione di agenti inquinanti, è indispensabile depurare laria con specifici impianti aspirazione polveri. Oltre a dotarsi di questi particolari macchinari, però, è necessario agire nel pieno rispetto delle normative, oltre che, ovviamente, della salute.  

Come progettare impianti di aspirazione polveri

L’aspirazione delle polveri localizzate è solo il primo passo del processo. Bisogna assicurare anche una congrua ventilazione generale e assicurare il reintegro con aria salubre dallesterno. Ovviamente ogni sistema va gestito in maniera indipendente, senza che vi siano interferenze tra i differenti impianti. 

A questo punto, si procede con la valutazione del rischio legato all’installazione degli impianti aspirazione polveri, analizzando: 

  • La ventilazione presente nellambiente di lavoro;
  • I tipi di materiali da lavorare;
  • Se i pezzi sono coperti da solventi o sgrassanti;
  • Se è indispensabile la presenza di DPI (dispositivi di protezione individuale).

Nel passaggio successivo, i tecnici procedono con la progettazione dellimpianto di aspirazione polveri. In particolare: 

  • Si studiano tutte le fasi del processo produttivo, per valutare la presenza di emissioni, che spesso non sono visibili a occhio nudo e si manifestano con odori.
  • Si localizza il punto di emissione perché solo in questo modo è possibile scegliere il corretto punto di captazione dellimpianto di aspirazione polveri.
  • Per regolare fase, velocità e temperatura è indispensabile unanalisi dei materiali da lavorare allinterno dellimpianto.

Va da sé che nel caso di emissioni di polveri, fumi o esalazioni infiammabili oppure esplosivi è dobbligo il rispetto della normativa vigente per aspiratori Atex. 

 

0

Impianto di aspirazione centralizzato, tutti i vantaggi

Impianto di aspirazione centralizzato

Limpianto di aspirazione centralizzato permette innanzitutto di aspirare le polveri in più punti, senza bisogno di muoversi. È la macchina che è progettata per trasportare il materiale da una parte allaltra, attraverso linstallazione di tubazioni fisse. Vediamo nel dettaglio quando è vantaggioso utilizzare questa tipologia di macchinario.  

I vantaggi principali di un impianto di aspirazione centralizzato 

Esistono diverse tipologie di questa categoria di macchinari, perché la loro efficacia dipende dal contesto in cui devono operare. Ecco che allora si procede con la scelta della motorizzazione e del sistema filtrante più idoneo. Oltre quindi a soddisfare ogni necessità e condizione di lavoro, limpianto di aspirazione centralizzato trova largo impiego in numerosi settori come quello meccanico, chimico e farmaceutico. L’impianto è in grado di filtrare e poi separare sia le polveri medie, quelle fini e anche le impalpabili. 

Ovviamente il macchinario è disponibile anche per ambienti che devono rispettare la normativa Atex, avendo a che fare con polveri esplosive. Inoltre loperatore, che attiva la macchina direttamente dal suo alloggiamento, può effettuare anche la manovra di pulizia semplicemente dando il comando. La pulizia infatti avviene in automatico perché è la macchina che scarica il particolato nellevacuatore. E questo si traduce in un innegabile risparmio di tempo ed energie rispetto a quanto richiede invece un comune aspiratore mobile, abbattendo quindi la necessità di manutenzione ordinaria degli impianti. Infine limpianto di aspirazione centralizzato è in linea con le disposizioni di igiene acustica del settore e presenta un box insonorizzato, con materassino insonorizzato. 

0

Come è fatto un aspiratore di un impianto di aspirazione polveri

aspiratori per polveri di carteggiatura per impianti centralizzati

Ogni impianto di aspirazione polveri ha bisogno di un aspiratore per funzionare. Si tratta di un componente meccanico che permette di aspirare la polvere ed espellerla. Va da sé che per scegliere un aspiratore idoneo alle proprie necessità, ci sono diverse caratteristiche da prendere in considerazione. 

Come funzionano gli aspiratori di polveri sottili?

Più precisamente, la polvere che entra dal punto di captazione passa attraverso i filtri e arriva al punto di espulsione. Non tutte le polveri sono uguali e maggiore è il peso del materiale da aspirare, tanto maggiore dovrà risultare la pressione supportata dallaspiratore. 

Le caratteristiche principali di un aspiratore riguardano: 

  • Tipologia della pressione, che può essere medio-alta.
  • Portata d’aria, in base al tipo e alla quantità di polveri da aspirare.
  • Filtri, che variano a seconda della polvere da abbattere.

La parte più importante degli impianti di aspirazione industriali non è il motore bensì il filtro. 

gruppi filtranti (depolveratori) servono a separare le polveri dallaria, liberandola. Va da sé che scegliere il filtro migliore significa valutare due fattori principali: 

  • Tipologia di polvere, significa analizzare la composizione delle polveri e scegliere quindi il filtro più adatto, soprattutto per quanto riguarda il materiale del setto filtrante, che può essere in poliestere oppure poliestere antistatico (ad esempio, per farine, cereali o alluminio, quest’ultimo altamente esplosivo).
  • Dimensione della polvere, se a grana grossa richiede la presenza innanzitutto di un filtro a ciclone (che elimina le particelle più grandi) così da non intaccare le prestazioni del gruppo filtrante.

Noi della Stucchi 1950 progettiamo e commercializziamo aspiratori centralizzati ideali per impianti di ogni grandezza. Siete curiosi? Cliccate qui per scoprire tutta la nostra gamma!


Offriamo soluzioni personalizzate per andare incontro alle esigenze di ogni cliente, per info contattaci

Vuoi rimanere sempre aggiornato su promozioni e novità? Seguici sulle nostre pagine Social (Facebook – Linkedin), e iscriviti alla Newsletter Stucchi, promettiamo email con contenuti utili e di qualità!